Caciucco

Eccoci, ci siamo quasi, il Natale è alle porte e per iniziare la cena della vigilia vi propongo questo caciucco servito in piccoli panini homemade. Ho utilizzato il mio solito impasto con farina di grano tenero e ho preparato dei panini che ho trasformato in piccole ciotole!

Cosa ho utilizzato: una triglia da 150 gr, una gallinella da 150gr, una calamaro di medie dimensioni, tre cicale, gamberi 6, cozze 10, vongole 10, seppioline 150 gr, pomodorini 6, pelati 800gr, prezzemolo, peperoncino.

Dosi per: 6 persone
Preparazione: 40 minuti
Difficoltà: media
Cottura: 50 minuti

Ho schiacciato i pelati e li ho messi a cuocere a fuoco lento in un tegame aggiungemdo solo un filo d’olio.

Nel frattempo ho sfilettato la triglia e la gallinella. Ho messo da parte i filetti e con le lische ho preparato un fondo per il caciucco. Ho messo a scaldare in padella un filo d’olio e uno spicchio d’aglio vestito e appena ho sentito sfrigolare ho aggiunto le lische.

Dopo 5 minuti ho sfumato con mezzo bicchiere di vino bianco secco e ho aggiunto i pomodorini tagliati a metà. Trascorsi altri 5 minuti ho aggiunto mezzo bicchiere d’acqua e ho lasciato cuocere a fuoco basso ancora per 5 minuti. A questo punto ho aggiunto le vongole, ben lavate, ho aspettato che si aprissero tutte, per poi toglierle e metterle da parte. La stessa cosa ho fatto con le cozze.

Nel frattempo, ho lavato il calamaro, l’ho tagliato a listarelle e l’ho unito ai pelati già in cottura. Ho lasciato cuocere il brodo ancora un paio di minuti per farlo restringere e, una volta pronto, l’ho filtrato e aggiunto ai pelati. Dopo dieci minuti di cottura del calamaro, ho aggiunto anche le seppioline, passati altri 10 minuti le cicale di mare, poi i filetti di triglia e gallinella e, in fine, i gamberi. Una volta spento il fuoco ho unito anche le cozze e le vongole.

A questo punto, ho scavato i panini togliendo bene tutta la mollica, li ho messi in forno per qualche minuto, in modo da renderli più croccanti, e li ho riempiti con il mio caciucco.

Vi consiglio di accompagnare questo piatto con: il Father’s eyes – Chardonnay Cantina di Lenardo.

Buon appetito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.