In Sicilia lungo la via del sale

Percorrendo l’antica “via del sale”, che da Trapani conduce fino a Marsala, si attraversano i paesaggi suggestivi e irreali delle saline. Specchi d’acqua che si tingono di rosa, riflettono le sagome degli antichi mulini e i cumuli di sale bianco messo ad asciugare.

In_Sicilia_lungo_la_via_del_sale_4

Sale ad asciugare. Saline dello  Stagnone, Marsala.

Sono zone in cui da sempre le condizioni climatiche favoriscono l’evaporazione delle acque e la raccolta del sale, risorsa storica dell’economia siciliana sin dal tempo dei Fenici, a cui dobbiamo la costruzione delle prime vasche. Lo sfruttamento delle saline è documentato anche in epoca normanna. Le tecniche di coltivazione e raccolta rimangono invariate per secoli, solo alla fine del Settecento i mulini a vento, utilizzati per il sollevamento delle acque, cominciano ad essere adoperari anche per la macinazione. Dopo un lungo periodo di produzione fiorente, nel Novecento le saline iniziano il loro declino fino all’istituzione della Riserva Naturale dello Stagnone di Marsala (1984) e della Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco (1995) che oggi preservano questi territori.

In_Sicilia_lungo_la_via_del_sale_2

Saline Calcara. Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco.

La Riserva dello Stagnone è una laguna che comprende l’isola Longa, la più grande, Santa Maria, Schola e l’isola di San Pantaleo, l’antica Mothia. Ed è proprio nelle saline che circondano quest’isola che viene prodotto il sale di Mothia, un sale marino integrale, ottenuto dall’evaporazione dell’acqua di mare, che non viene sottoposto ad alcuna raffinazione conservando inalterate le sue proprietá.

In_Sicilia_lungo_la_via_del_sale_3

Saline Calcara. Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco.

Nelle saline, popolate da una flora e da una fauna molto ricche, è possibile avvistare molte specie di uccelli come il fenicottero rosa e l’airone bianco e le loro acque sono molto pescose.

Passeggiando tra gli argini e i muretti è facile individuare il “percoso del sale” che dal mare arriva alle grandi vasche attraversando un ampio canale. È anche possibile sperimentare la raccolta del sale e visitare diversi mulini restaurati come quello delle Saline Calcara e il Mulino d’Infersa.

In_Sicilia_lungo_la_via_del_sale_5

Sale ad asciugare. Saline dello Stagnone, Marsala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.