Risotto al gorgonzola e cavolini di Bruxelles

Servire cavolini di Bruxelles ad una cena romantica? Se sono il condimento di un cremoso risotto al gorgonzola, trovo che sia un’ottima idea!

Risotto gorgonzola e cavolini di Bruxelles

Cosa ho utilizzato: riso Carnaroli 300gr, cavolini di Bruxelles 250gr, brodo vegetale 1,5 lt, gorgonzola dolce 250gr, burro 60gr, cipolla 1/2, sale, pepe nero, olio evo, vino bianco secco 1/2 bicchiere.

Dosi per: 3/4 persone

Preparazione: 30 minuti

Difficoltà: facile

Cottura: 20 minuti circa

Per questo, come per tutti i risotti, è fondamentale preparare del brodo vegetale. Ho messo a bollire un litro e mezzo d’acqua con due carote, il gambo di un sedano, una cipolla divisa in 4 e ho fatto cuocere il brodo per 30 minuti facendo attenzione a non far evaporare troppo l’acqua.

Nel frattempo, in un tegame capiente, ho messo a rosolare mezza cipolla, tagliata molto fine, con un cucchiaio di olio. Una volta imbiondita ho aggiunto un pezzettino di burro, 20 gr circa, e ho iniziato a tostare il riso. Sono sufficienti al massimo un paio di minuti.
Quindi ho sfumato con mezzo bicchiere di vino bianco e, una volta evaporato completamente, ho iniziato ad aggiungere il brodo portando avanti la cottura mescolando di tanto in tanto.

Nel mentre ho lavato i cavolini di Bruxelles e ho sbollentato le foglie più esterne in acqua leggermente salata per un paio di minuti. Le ho scolate, passate in acqua fredda per bloccare la cottura, e condite con un filo di olio e del pepe nero.
Il resto dei cavolini, tagliati in quarti, li ho messi a lessare nel brodo. Una volta teneri, li ho scolati, raffreddati per mantenerne il colore, e frullati aggiungendo un pò di acqua di cottura per ottenere una crema non troppo liquida.

Una volta pronto il risotto, l’ho lasciato riposare per qualche minuto, l’ho mantecato con burro e gorgonzola, senza riaccendere il fuoco. Prima di servire ho aggiunto la crema di cavolini.
Per finire, ho guarnito il piatto aggiungendo l’insalatina preparata all’inizio.

Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.