Sarde a beccafico

Oggi vi propongo le sarde a beccafico ricetta  tradizionale della mia Sicilia “bedda”!

Un piatto povero nato dai popolani siciliani che desideravano imitare una pietanza molto in voga sulle tavole dei nobili: i beccafichi farciti delle loro stesse interiora. Da qui il nome delle nostre sarde a beccafico o per meglio dire sardi a beccaficu.Le sarde vengono cotte al forno e come ripieno si utilizza mollica di pane, pinoli e poco altro.

Sarde a beccafico

Cosa ho utilizzato: sarde fresche 12 (circa 240gr), acchiughe sott’olio 4, pinoli 50gr, uva passa 50gr, pan grattato 3 cucchiai, aglio 1/2 spicchio, alloro, limone 1, arancia 1, zucchero 1 cucchiaio raso, aceto, capperi 1 cucchiaio, olio, sale, pepe nero, pomodori secchi 3, prezzemolo.

Dosi per: 2 persone
Preparazione: 45 minuti
Difficoltà: media
Cottura: 35 minuti

Partiamo dalla farcia: per prima cosa ho messo in ammollo l’uva passa in poco vino bianco o, meglio ancora, Zibibbo.

Nel frattempo ho preparato il trito di sapori che aggiungerò al pan grattato: capperi dissalati, pomodori secchi, prezzemolo, aglio, acciughe sott’olio e, solo dopo averla ammorbidita e strizzata, anche l’uva passa.

Quindi ho tostato il pan grattato in padella, senza aggiungere olio. Una volta raggiunto il colore dorato, dopo circa 10/15 minuti, ho aggiunto il trito preparato precedentemente, un pizzico di sale, lo zucchero (mezzo cucchiaio) , i pinoli, un cucchiaio di olio e una grattuggiata di scorza di limone. Prima di spegnere il fuoco ho lasciato insaporire tutto per un paio di minuti.

A questo punto ho pulito le sarde aprendole a libro e levando la lisca centrale. Le ho sciacquate, tamponate con carta assorbente e salate leggermente.

Sulle sarde distese ho distribuito la farcitura, dopodiché le ho arrotolate su se stesse e avvolte in una foglia di alloro fissandole con uno stuzzicadenti.

Le ho trasferite in una teglia leggermente unta d’olio e le ho coperte con la farcia rimasta.

In una piccola ciotola ho miscelato bene un pizzico di pepe, lo zucchero rimanente, il succo dell’ arancia e del limone, un goccio di aceto e l’ho utilizzato come condimento per le sarde.

Ho coperto la teglia con della carta stagnola e infornato in forno preriscaldato a 170° per 10 minuti, poi per altri 10 min scoperte.

Prima di servire ho lasciato riposare la teglia fuori dal forno per qualche minuto.

Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.