Torta salata con cicoria di campo e ricotta

Come avrete capito dai miei ultimi post, ho adottato un orto accanto al quale c’è un grande prato dove crescono spontaneamente rucola e cicoria, in questa torta salata, ho utilizzato la cicoria di campo raccolta con le mie mani, che soddisfazione!

Torta salata con cicoria di campo e ricotta

Cosa ho utilizzato: cicoria selvatica 2 mazzetti, ricotta fresca di pecora 300gr, pasta brisè 1 rotolo, uovo 1, sale, pepe lungo, noce moscata.

Dosi per: 4 persone
Preparazione: 30 minuti
Difficoltà: bassa
Cottura: 60 minuti

La prima cosa da fare è lavare bene la cicoria, metterla in padella con un filo d’olio d’oliva e mezzo bicchiere d’acqua, coprire e cuocere a fuoco moderato per circa un quarto d’ora. Una volta spento il fuoco, l’ho lasciata in padella con il suo coperchio per farla appassire ancora un po’.

Nel frattempo ho lavorato la ricotta con una forchetta in modo da renderla cremosa, l’ho condita con un po’ di noce moscata grattugiata e del pepe lungo pestato al mortaio. Ho sbattuto un uovo e l’ho aggiunto per metà alla ricotta, mescolando molto bene per ottenere un composto uniforme.

A questo punto ho tagliato la cicoria con una forbice da cucina, volendo potete anche frullarla, e l’ho aggiunta alla farcia mescolando bene.

Per la base, questa volta, ho utilizzato una pasta brisè già pronta, di quelle già stese che trovate al supermercato nel banco frigo.

Per cuocere questa torta salata ho utilizzato il mio nuovo stampo forato con un diametro di circa 16 cm. Ho scelto questo tipo di teglia che permette all’aria di circolare e al calore di agire direttamente sull’impasto, accelerando la cottura e rendendolo più croccante.

Ho foderato questo stampo con la pasta brisè, ho aggiunto la farcitura di ricotta e cicoria e cosparso la superficie con l’uovo sbattuto che avevo messo da parte.

Ho infornato in forno preriscaldato a 160 gradi per 40 minuti, controllando di tanto in tanto la cottura.

Consiglio di lasciar raffreddare il rustico prima di servire.

Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.